politics

Progetto colibrì

Finalmente stasera riesco a trovare il tempo per dedicarmi all’avvio di un progetto nato dalla brillante mente del nostro caro amico Vate conosciuto all’anagrafe come Stefano Vatti.

È indubbio che oggigiorno vi sia una crisi non solo economica che anche sociale e la deriva culturale cui potremmo giungere nel prossimo futuro, spaventa i nostri animi e fa vacillare le nostre smagrite gambe. Chi di noi non ha per lo meno una volta negli ultimi mesi avuto remore e timori sul suo futuro, e per chi ha già la gioia di averne, per i propri figli?

Di crisi ce ne sono state molte e per le leggi non dico per forza di cose divine, ma quanto meno antichissime la vita dell’uomo è da sempre caratterizzata dall’alternarsi di vacche magre e grasse.

Tuttavia, la crisi dei nostri giorni cui si accennava poco fa, è molto più radicata e se vogliamo grave di quello che potrebbe sembrare e potremmo pensare ma è al tempo stesso vero che anche in passato ve ne furono di simili. In tanti, hanno scomodato il ’29 ad esempio. Io invece, andrei ancora più indietro, non tanto per il paragone della crisi in se e per sé, ma per tirare in ballo uno degli ipotetici rimedi che abbiamo a disposizione per tirarci fuori dalla stessa. Intorno alla seconda metà dell’Ottocento, tutti sanno che nacquero le cosiddette società di mutuo soccorso, che avevano l’obiettivo di sopperire alle grosse carenze dello stato sociale nella tutela dei lavoratori. Oggi, per certi versi ci risiamo e credo che sia onesto intellettualmente che professionisti come noi uniscano assieme le proprie competenze e capacità allo scopo di permetterne la fruizione reciproca.

Il punto di partenza potrà essere una banale e semplice mailing list privata e ristretta che racchiuda le varie branche e filoni ed i relativi riferimenti cui far capo in caso di necessità. È solo l’inizio lo so, ma del resto è proprio dalle cose piccole che si parte per raggiungere, attraverso processi di condivisione e maturazione, ben più grandi fini ed obiettivi.

Non ci resta quindi che partire!

A presto Cari Amici!